Destinazione del 5 per mille dell’IRPEF all’Inforav - 2018 Stampa
Scritto da Administrator   
Giovedì 30 Aprile 2015 08:38

Dona il 5 per mille all'Inforav, a sostegno dell'innovazione, dell'ICT e del talento creativo dei giovani, come strumenti essenziali per lo sviluppo del Paese

 

Anche per il 2018 si può destinare una quota pari al 5 per mille dell’imposta sul reddito delle persone fisiche a finalità di sostegno di soggetti, quali, tra l’altro, Onlus, Associazioni di promozione sociale, Associazioni riconosciute in possesso di determinati requisiti, Fondazioni nazionali di carattere culturale.

Chi lo desidera, può destinare all’Inforav la quota del 5 per mille della sua imposta sul reddito delle persone fisiche, relativa al periodo di imposta 2017, apponendo la firma nell’apposito riquadro, relativo all’indicazione “Sostegno delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale, delle associazioni di promozione sociale, delle associazioni riconosciute che operano nei settori di cui all’art. 10, c.1, lett. a) del. D.Lgs. n. 460 del 1997 e delle fondazioni nazionali di carattere culturale”, del modello di dichiarazione (Modello Unico PF, Modello 730, scheda allegata al CUD) e specificando nella casella Codice Fiscale del beneficiario il

Codice Fiscale dell’Inforav: 80231910581

L’Inforav è impegnata da alcuni anni a promuovere l'ICT e l'innovazione in Italia, come strumenti di sviluppo del Paese dal punto di vista economico e sociale, attraverso attività comunicative, studi, ricerche e progetti, senza finalità di lucro.

Fra i progetti operativi si cita, fra l’altro, PubbliTesi (www.pubblitesi.it), un sistema che mette insieme in un’unica net-community nazionale i migliori giovani laureati nelle Università italiane, che, in tutte le discipline, comprese quelle artistiche, siano stati Autori di Tesi e Prove finali d’esame di elevato valore. Il progetto, che sta raccogliendo numerosi consensi, si propone di salvaguardare il patrimonio di idee e studi contenuti nelle migliori Tesi, oltre che di dare maggiore visibilità ai giovani talenti, promuovere l'eccellenza e l'innovazione, ecc..

Si ricorda che la scelta del 5 per mille si aggiunge a quella dell'8 per mille e, come per questa, nessun onere è previsto per il contribuente.

Ultimo aggiornamento Mercoledì 09 Maggio 2018 09:09